Siamo

Siamo uomini,
siamo filari di vite
che seguono in silenzio
il battito di questa natura.
Stagione dopo stagione,
annata dopo annata.

 

Ciò che siamo: una famiglia, una storia, una tradizione

La tradizione vitivinicola di questa terra affonda le proprie radici nella storia millenaria, già nel 177 a.C. una colonia romana fu fondata alle foci del fiume Magra e denominata “Portus Lunae”. Plinio il Vecchio, nella sua opera “Naturalis Historia” a proposito del vino di questo luogo scriveva: “Etruriae Luna palma habet…”(65 d.C.) : “…dell’Etruria, quello di Luni ha la palma…”. Questa è stata l’origine e l’ispirazione per la scelta del nostro nome, racchiudendo in sé tutti i principi che hanno guidato e che guidano tutt’ora il lavoro in vigna e in cantina. La famiglia Bosoni è infatti da sempre legata a questo territorio. Da quattro generazioni per lavoro e per vocazione facciamo tre cose: coltiviamo la vigna, produciamo vino e preserviamo la cultura del nostro territorio.

 

Ciò che siamo: una famiglia, una storia, una tradizione.

Ciò in cui crediamo: la nostra filosofia

Manifesto

Crediamo che il vino sia materia vivente, che muta, si esprime e sviluppa il proprio carattere. L’intervento dell’uomo deve accompagnarlo senza forzarlo, aiutandolo a diventare l’immagine più autentica del suo territorio di provenienza. Crediamo nell’incontro tra sapere e sensibilità, nel mantenere un rapporto equilibrato e complice con la natura che ci accoglie e ci nutre. Crediamo inoltre nella nostra comunità, che ci accompagna nel tramandare una cultura orale maturata dall’esperienza.

Il nuovo volto di Cantine Lunae

prenota la tua visita

Ciò che facciamo: ricerca e coerenza

In cantina custodiamo il frutto della terra, lo facciamo con rispetto e semplicità, mantenendo con la massima attenzione le qualità e i caratteri dei singoli vigneti e delle diverse zone di produzione. Vinifichiamo in vasche d’acciaio a temperatura controllata. Affiniamo i vini preferendo soprattutto botti in legno di grandi dimensioni. Il nostro intento è di preservare freschezza, armonia e identità di ogni singola etichetta.

Cantina realizzata grazie al contributo del Fondo Europeo per lo Sviluppo Rurale: l’Europa investe nelle zone rurali.
M 4.2 _ Progetto di Sviluppo Rurale 2014-2020

 

Dal Vermentino agli antichi vitigni autoctoni, diamo voce alla nostra terra.

Etica e Sostenibilità

Tradizione e sperimentazione

Cantine Lunae significa vitigni autoctoni: Vermentino, sul quale lavoriamo da sempre, ma anche Albarola, Vermentino Nero, Malvasia, Pollera Nera e Massareta. Le nostre viti si estendono su un comprensorio di 65 ettari. Il nostro impegno nel rispettare il territorio è anche viticoltura biologica, coltivazione di nuovi vigneti con antiche tecniche locali e, soprattutto, l’utilizzo di energia verde che si sostanzia in impianti fotovoltaici, geotermici e strutture di produzione a basso impatto ambientale.

 

Comunità e biodiversità

Circa 100 piccoli vignaioli locali sono la nostra famiglia allargata. Il modo in cui cerchiamo di preservare il territorio non ha solo valenze ambientali: diamo valore alle relazioni, alle persone, agli scambi con piccole realtà, rispettando il lavoro loro e dando voce alla dimensione unica e autentica di vivere il rapporto con la terra.

 

Etica e Sostenibilità

Tradizione e sperimentazione

 

Cantine Lunae significa vitigni autoctoni: Vermentino, sul quale lavoriamo da sempre, ma anche Albarola, Vermentino Nero, Malvasia, Pollera Nera e Massareta. Le nostre viti si estendono su un comprensorio di 65 ettari. Il nostro impegno nel rispettare il territorio è anche viticoltura biologica, coltivazione di nuovi vigneti con antiche tecniche locali e, soprattutto, l’utilizzo di energia verde che si sostanzia in impianti fotovoltaici, geotermici e strutture di produzione a basso impatto ambientale.

 

Comunità e biodiversità

 

Circa 100 piccoli vignaioli locali sono la nostra famiglia allargata. Il modo in cui cerchiamo di preservare il territorio non ha solo valenze ambientali: diamo valore alle relazioni, alle persone, agli scambi con piccole realtà, rispettando il loro lavoro e dando voce alla dimensione unica e autentica di vivere il rapporto con la terra.